Chiara Pizzinato

Chiara Pizzinato

Grazie al nuovo software DesignWorks, BERNINA offre tre nuove tecniche per il cucito e il ricamo: con PaintWork, CrystalWork e CutWork è possibile realizzare in modo semplice immagini, motivi e forme come pittura su stoffa, motivi con gli strass e disegni traforati. Insieme alla stilista italiana Chiara Pizzinato, BERNINA ha disegnato una nuova collezione di abiti decorati con DesignWorks e l'ha presentata nell'ambito di una sfilata in occasione del Raduno europeo degli amanti del patchwork a Sainte Marie-aux-Mines, una ridente cittadina francese.

«Amo i tessuti.»

"Amo i tessuti", afferma Chiara Pizzinato. Per la stilista, con un Master in Scienze ambientali e un passato da progettista in una società di ingegneria idraulica, il lavoro creativo con i tessuti è indissolubilmente legato all'opera della natura.  Dal 2002 disegna capi d'alta sartoria e accessori, le cui texture naturali mostrano il suo genio creativo e sono fortemente influenzati dalla sua storia personale. Il software DesignWorks le ha aperto nuove possibilità.  "Ritengo che il software DesignWorks sia davvero interessante. Mi permette di trasformare un tessuto in un altro completamente diverso".

Per la sfilata di Sainte Marie-aux-Mines, Chiara Pizzinato, insieme a un team di BERNINA, ha realizzato nove abiti, utilizzando e combinando in tantissimi modi diversi le tre tecniche decorative di DesignWorks.  Ha lavorato per quasi per un anno sulla collezione DesignWorks. Il risultato? Un abito in seta decorato con foglie di ginkgo, disegnate con PaintWork, intagliate con CutWork ed infine applicate e decorate con ricami. Su un abito estivo bianco, leggero come un velo, sono state disegnate con PaintWork delle decorazioni di grandi dimensioni nelle nuance rosso e lilla.  Sulla parte posteriore di un abito di seta cresce un albero disegnato e riccamente ricamato, le cui radici si allungano quasi fino all'orlo.  Su un abito da cocktail di colore scuro brillano tralci fioriti realizzati in strass.  "I risultati sono incredibili", ha dichiarato Chiara Pizzinato in occasione della sfilata.  Il pubblico ha condiviso questa affermazione: la sfilata si è svolta per tre volte al giorno in tre diversi giorni e i posti a sedere erano sempre tutti occupati.
 

Nata nel 1961, dopo aver conseguito una laurea in Scienze naturali all'Università di Padova, Chiara Pizzinato ha frequentato un Master in Scienze ambientali alla Fondation Universitaire Luxemburgoise in Belgio per poi lavorare per dieci anni per una società di ingegneria idraulica. Da un corso di patchwork frequentato per caso passò alla lavorazione dei tessuti, nel 2002 fondò "Le Tessiture" e da allora crea capi d'abbigliamento e accessori fatti a mano, che intrecciano con un tocco artistico la sua lunga tradizione familiare con le sue conoscenze botaniche. Nel 2003, Chiara Pizzinato vince in Michigan il concorso "World Quilt Textile". Nel 2005 i suoi abiti vengono esposti nel Museo di arte contemporanea di Shanghai. Attualmente vive e lavora a Treviso. I suoi marchi: Chiara Pizzinato (alta sartoria) e Chiarindi (prêt-à-porter).